Il CIAI, Centro Italiano Aiuti all’Infanzia, è una Onlus e Ong (Organizzazione Non Governativa) apartitica e non confessionale che dal 1968 si batte per promuovere il riconoscimento del bambino  come persona e difenderne ovunque i diritti fondamentali alla vita.
0576IMG_6893

Realizza progetti di cooperazione volti alla tutela dei diritti dei bambini particolarmente vulnerabili: senza famiglia, a rischio di abbandono, in situazione di marginalità sociale ed economica, disabili, appartenenti a minoranze, migranti, sfollati, bambini lavoratori e di strada. Sulla base dell’esperienza, acquisita negli anni e nelle diverse aree geografiche, CIAI focalizza i suoi interventi nelle seguenti aree tematiche:

  • Educazione (promuovendo l’accesso all’istruzione di base, la qualità dei servizi e la formazione professionale);
  • Salute (garantendo l’accesso a cure sanitarie di base,  il miglioramento della salute materno-infantile e delle condizioni igienico-sanitarie);
  • Partecipazione (promuovendo il coinvolgimento attivo nei progetti dei bambini e delle loro comunità);
  • Protezione (da qualsiasi forma di sfruttamento e di violazione dei suoi diritti)

Con il Sostegno a Distanza garantiamo la scolarizzazione, contribuendo così a combattere l’analfabetismo e a prevenire lo sfruttamento del lavoro minorile.  Il nostro impegno si traduce in programmi di educazione, istruzione e formazione professionale. Attraverso il Sostegni a Distanza, siamo attualmente in grado di assicurare un sostegno sicuro a circa 6300 bambini e alle loro famiglie.

Con l’Adozione Internazionale ricerchiamo in Italia una mamma e un papà per quei bambini che in ogni parte del mondo si trovano in stato di abbandono e per i quali non vi sono concrete possibilità di recupero della famiglia d’origine o soluzioni di intervento nel loro Paese.

CIAI svolge attività di monitoraggio sullo stato di attuazione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia attraverso il coordinamento del gruppo CRC. La salvaguardia dei diritti dei bambini è per noi un impegno concreto per la costruzione di un mondo che ponga alle base il rispetto dei bambini ovunque siano nati. Per questo abbiamo stimolato la riflessione, sollecitato gli interventi, richiesto il confronto e denunciato le visioni mercantilistiche dell’adozione internazionale.